Speusippo e la Pediculosi…

In un suo viaggio nel tempo moltissimi secoli fa, Jean Luc Morasy passo per Atene.
Scrutò in disparte un dialogo tra Speusippo e Diogene il Cinico.
Non capì chiaramente cosa i due si dicessero, vedeva muoversi velocemente le labbra e un gesticolare molto agitato dei due.
Speusippo stava in piedi con due pezzi di legno appoggiati alle braccia, erano come le odierne stampelle.
Morasy era troppo curioso e si avvicinò sempre più fino a quando i due non lo guardarono dalla testa ai piedi.
Jean Luc per togliersi dall’imbarazzo iniziò a fischiettare cercando di far finta di nulla ma non passò inosservato.
Diogene il Cinico gli fece cenno di avvicinarsi e gli chiese di controllare la testa di Speusippo perchè erano giorni che si grattava in testa.
Jean Luc Morasy stranito non se lo fece ripetere due volte e si mise a controllare accuratamente la testa di Speusippo.
Non vedeva nulla che una marea di capelli.
Diogene continuava a ripetergli con ossessione.
“Diglielo anche tu che è pieno di animaletti, diglielo, diglielo!!”
Morasy per liberarsi da quei due folli personaggi confermò che aveva visto qualche brutto animaletto a quattro zampe e più.
Disse il falso per potersi liberare dalle grinfie dei due matti.
Speusippo con le sue stampelle se ne andò borbottando per tutta la strada.
Molto tempo dopo un suo allievo Diogene Laerzio raccontò che il suo maestro Speusippo mori dopo aver avuto da uno straniero venuto dal futuro la maledizione della pediculosi, dei piccoli animaletti che vivevano tra i suoi capelli, divorandogli l’intelletto.
(Tratto da “I Viaggi Strani di Morasy” )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.