Le Tre P.M.B. (1°Parte)

Buonasera, oggi prendo spunto per rispondere ad una domanda di un individuo che mi ha chiesto cosa significavano le tre sigle P.M.B. negli ultimi 40 anni. Ne avevo parlato tempo fa delle tre PPP, delle tre MMM e delle tre BBB. Di solito compare qualcuno e mi manda il messaggino di cosa significa quello, quella, ect ect. Siccome settimana scorsa sono stato a Praga per motivi personali e tra il viaggio in aereo e il poco tempo libero avuto nella capitale Ceka ho deciso di scrivere in risposta a quel signore (che non dico il nome) che mi ha ricordato delle tre sigle P.M.B. Partiamo dalle tre P, anni 70/80, le tre P, sono Parigi, Perugia e Praga. Le tre città dove si progettavano, si organizzavano, pianificavano e reclutavano per il terrorismo internazionale. Poi anni 90 e primi anni 2000 le tre M. Marsiglia, Milano e Monaco di Baviera. Poi anni recenti le tre B. Berlino, Bruxelles e Bari. Ora vi chiederete da dove nascono queste informazioni. Domanda lecita. Ora sedetevi e vi spiegherò il tutto, penso che dovrò raccontarlo in parti, perché è complicato da spiegare e non tutti voi hanno la capacità di capire. Partendo dalle tre P. C’è stata un’indagine parlamentare italiana durata 20 anni, ultimata da un anno ed e rimasta segretata. Tra interrogatori e oltre 123.000 fascicoli scritti, più di 2500 km di nastro in bobina registrati. Parigi, una libreria nel centro di Parigi pianificava atti di terrorismo per destabilizzare intere nazioni, nell’ambito dell’asse Ovest. Quella libreria che vendeva libri disposta su tre piani, di cui un centro di lettura al piano inferiore, altre stanze ai sotterranei da dove si pianificavano attentati terroristici in tutta Europa, si chiamava strategia della tensione, in cambio di ricatti o cambi di governi. Perugia era la città di reclutamento, passaggio di armi dal mercato nero. Poi c’era Praga città strategica di rifugio. Anni 90 e 2000 dopo la scomparsa del terrorismo europeo. Sparisce come quando vedete una macchiolina di pioggia sul parabrezza della vostra auto, poi passate il tergicristallo e la macchiolina di acqua scompare. Dopo la caduta del muro scompaiono le tre P. Compreso il famoso bar situato a pochi metri dal luogo dal sequestro del deputato italiano Aldo Moro. In quella strada c’era un bar, un semplice bar preso in gestione alcuni mesi prima da un personaggio che frequentava la famosa libreria di Parigi. Subito dopo il sequestro del politico italiano il bar chiude. Che strana coincidenza, le indagini proseguono e si scopre l’esistenza del gruppo “Separat” Gruppo Terroristico Internazionale formato da vari cittadini di ogni singolo paese, gestito e governato da tutti i governi della comunità europea, attuando una particolare strategia ben definita. Poi caduto il muro il mondo cambia, diventa globalizzato e si guarda oltre ai confini europei. Spuntano le tre M. Marsiglia luogo di reclutamento, Monaco di Baviera luogo di rifugio e Milano luogo della progettazione e attuazione di tutti gli attentati nel mondo tra il 1990 e i primi anni 2000. A Milano precisamente dove, in Viale Jenner alla moschea sovvenzionata dall’Arabia Saudita. Luogo in cui trovò la sua residenza Osama Bin Laden. Osama Bin Laden uomo pagato dagli Stati Uniti per contrastare l’invasione Russa in Afghanistan. Molti non sanno che il casino Afghanistan, Iraq, Golfo Persico, Iran, nasce molti anni fa, quando i Russi un giorno decidono di entrare dentro l’Afghanistan con i carri armati. Così all’improvviso, senza chiedere il permesso, tipico dei Russi. Ma i Russi comunque non ti scassano le palline, nel senso che non fanno casini a casa tua, loro fanno casini dove vogliono mettere i loro carri armati. Un sistema in uso dall’uomo da oltre 3000 anni. Esempio, a me piace un pezzo di terra, ho voglia di farci la pipi, il padrone di quella terra dice “No tu la pipi qui non la fai, la terra non e tua.” Io allora prendo il mio carro armato ed entro sulla sua terra e con la forza faccio la pipi, se lui riesce a scacciarmi ha vinto se no fa il mio suddito. Questa e la politica dell’essere umano da oltre 3000 anni, usato al giorno d’oggi solo dai Russi. Il resto del mondo usa sistemi contorti e moderni, paga altri per invadere te. Esempio, io voglio la tua terra, mi da fastidio prendere un carro armato e venire a casa tua, pago qualcun altro che lo faccia, di solito pagano dementi, drogati, delinquenti, pazzi. Costa meno “Destabilizzare”, vuoi mettere spostare eserciti, e poi se muore un mio soldato devo pure pagarlo, e mantenere la sua famiglia. Al giorno d’oggi fare il soldato costa una marea di soldi. In Libano davano 6 milioni al mese, era una bella cifra. Il tuo compito era da fare la guardia. Oggi un soldato americano costa 12 mila dollari al mese, poi lo spostamento delle corazzate. Un costo pazzesco. Allora gli scienziati Usa ed Europei pagano i drogati. Gli danno la droga un piccolo assegnetto in contanti, una miseria, gli danno le armi e gli dicono andate a respingere i Russi. Quello che successe in Afghanistan. Bin Laden era un uomo della CIA, pagato per reclutare dementi, malati mentali, carcerati. Armarli e mandarli contro i Russi. Per gli USA e gli EUROPEI la Russia non doveva avere l’Afghanistan. No e poi No, e che cazzo. Il problema che poi Bin Laden ha iniziato a ricattare Americani ed Europei. Bin Laden aveva un esercito a suo comando. Gli USA si erano resi conto che costava troppo pagare Bin Laden, porca paletta chiedeva miliardi di dollari. Se non arrivavano i soldi, Bin Laden aveva minacciato di attuare attentati in America e poi in Europa. Russi a differenza di Americani ed Europei non si fidano di nessuno. Le mani se le sporcano di sangue loro senza demandare ad altri, se no poi te li ritrovi sull’uscio di casa. I Russi non pagano mai eserciti, loro hanno il loro esercito, il più grande esercito al mondo, oltre 5 milioni di soldati pagati a pane e cipolla. Mentre Americani ed Europei pagano i propri soldati con il blocchetto d’assegni anche perchè in Europa i deficienti hanno eliminato il servizio militare, oggi fare il soldato e come fare il chirurgo. In Russia esiste il concetto di patria, di alcuni valori, quindi il servizio militare in Russia è obbligatorio e se il tuo governo decide che devi andare in guerra tu ci vai anche a pane e cipolla, ti fanno il lavaggio del cervello. Quindi la Russia in pochi giorni conquista l’Afghanistan senza pagare nessuno, I loro carri armati e oltre 780.000 mila uomini il 24 dicembre 1979 entrano e conquistano l’Afghanistan. Al comando mettono Babrak Karmal il 27 dicembre del 1979. In soli tre giorni vincono la guerra. FANTASTICO. Tra il panettone e Santo Stefano risolvono il problema senza spargimento di sangue. Il popolo Afghano tutto sommato andava bene se al potere c’era uno mandato da Mosca. I contadini avevano avuto il permesso di continuare a coltivare l’eroina. Perché L’Afghanistan vive di oppio da secoli. Coltivano droga, se no non campano. Il governo sovietico acconsentì ai contadini di continuare a fare quel cazzo che volevano. In cambio i Russi volevo far passare sotto terra in Afghanistan i gasdotti per rifornire di energia l’Europa. Questo avrebbe permesso grandi guadagni energetici per l’Impero Russo. Agli americani questo dava fastidio e iniziarono a fare quello che hanno sempre fatto “Delegare ad Altri” pagando ovviamente. Furono creati i “Mujaheddin.” Trasformati poi in Talebani. Gli Usa avevano promesso che se scacciavano i Russi ai Talebani avrebbe permesso di fare di tutto alla popolazione, la rinascita dello “Schiavismo”. I Russi dopo la caduta del muro del 1989 furono obbligati a lasciare l’Afghanistan, La Russia implose grazie al sagace intrigo malefico del Papa polacco il Papa Massone che usava i soldi della mafia e del riciclaggio sporco per finanziare Solidarnosc nemica di Mosca. Per questo scoppiarono scandali al Vaticano, alla Banca dello Ior. Crollarono alcune banche italiane tipo l’Ambrosiano Veneto e altre. Lo scandalo dei Banchieri di Dio, così furono soprannominati. Il tutto per far crollare L’Impero Russo e far un favore agli Inglesi e Americani, con la scusa della libertà. La libertà parola troppo in uso e non tutti sanno il vero significato. I Russi cercarono di difendere il loro mondo, tentarono di ammazzare il Papa tramite un mercenario dei “Lupi Grigi.” il signor Ali Agca. A distanza ravvicinata si avvicinò al Papa e gli sparò, la pallottola si dice che sia stata deviata da Casimiro, Ali Agca disse che intervenne un angelo. Da notare che in carcere Ali Agca fu visitato da due individui, lo stesso Papa polacco in un incontro segreto dove nessuno seppe mai cosa si dissero e il faccendiere Francesco Pazienza, anche lui fece visita al lupo grigio al carcere di Ascoli Piceno. Cosa andò a fare, se lo sono chiesti in aula di tribunale al processo ma risulta scomparsa la deposizione del testimone Il faccendiere come parola ha un significato. Il faccendiere e colui che fa tramite come mediatore tra Stati e Gruppi di non precisata provenienza. Su Francesco Pazienza si potrebbe creare un libro. Una cosa e certa, quel giorno della grande riunione per pianificare gli aiuti alla Polonia per far cadere il muro di Berlino in una località del centro africa si radunarono la CIA, Casimiro in nome del Papa polacco e del Vaticano, la Mafia, il governo italiano e il Banco Ambrosiano, la banca più potente fino a quel momento in Italia. Chi fece da mediatore fu proprio la figura del faccendiere di Francesco Pazienza. La domanda nasce spontanea, il faccendiere lavorava nello stesso momento anche per i Russi all’insaputa dell’allegra brigata? I Russi capirono che la soluzione a tutti i problemi era l’eliminazione fisica del Papa polacco, se fosse morto Woytila il muro sarebbe ancora in piedi, il mondo non sarebbe globalizzato, ci sarebbero state meno guerre. Il mondo sarebbe ancora in ordine, ognuno se ne stava a casa propria senza rompere le palline al vicino. Ne approfitto per salutare Francesco Pazienza, vive tranquillo e beato, però un po’ vecchietto. Tranquilli il suo posto lo hanno preso altri….coloro che risolvono i problemi o almeno tentano di farlo a volte funziona e a volte c’è la mano di Dio o di Casimiro che interviene e sposta la pallottola. Le mani del Signore sono infinite. (Continua)

 P.S. Dipinto del francese Jean Baptiste Regnault, ben conservato al Louvre.Musica di Krystian Shek e il suo particolare sound, non per tutti come per il dipinto. Come diceva il professor Kruge, “Occhi e orecchie sono sincronismi astratti.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.