Il Principe Nero (1°Parte)…

Non è una favola tipo cappuccetto rosso o magari la bella addormentata nel bosco, questa che sto per raccontare è una storia vera. Una storia che in pochi conoscono o chi la conosce non sa ancora il perché non è stata portata a termine. Sarebbe opportuno che sgranocchiate qualcosa mentre leggerete questa storia, attenti a non mordervi la lingua, bisogna fare molta attenzione anche ai dettagli pure quando si mastica, basta poco per mordersela e poi sai che dolore. Ci sono anche coloro che si mordono le labbra per questioni anche psicologiche, come un tic! Non è il tic e tac delle caramelle, il tic che intendo è un altro. Prima di scrivere questa storia ho preferito mangiare una frittata bella abbrustolita da sentirne anche l’odore del bruciato. Volendo ci vorrebbe anche tanta ma tanta cipolla, così tanta che poi dovrei lacrimare ogni volta che affetto le cipolle. Non è una delle mie solite scenette che amo fare in giro per il mondo, quella di lacrimare, cosa credete, ne sarei capace. Sicuramente ci penserò anche ad una scena lacrimosa mangiando un panino stracolmo di cipolle. Che goduria. A volte è molto carino sperimentare il pensiero dell’individuo, colui che ti guarda in certe circostanze. Tipo fare finta di essere un cieco messicano con sul capo un gigantesco sombrero, l’esser ben confezionato con una super coperta di lana da lasciare solo il naso e le labbra al cospetto dei passanti. Ovviamente gli occhi erano totalmente coperti con degli occhiali nerissimi circolarmente aderenti. Lo feci in un mese di luglio di qualche annetto fa, su di un’area ristoro dell’autostrada francese, dalle parti di Marsiglia. Avevo anche una ciotolina da cagnolino ben posizionata sui piedi, seduto e rigorosamente statuario. Immobile con un solo bastone posizionato in centro tra i due piedi con entrambe le mani appoggiate sulla testa del bastone, un cartello in spagnolo con scritto “ Dinero para un ex rico que se convirtió en un pobre ciego de Acapulco.” tradotto in italiano “Soldi per un ex ricco diventato un povero cieco di Acapulco.” La cosa che potrebbe far pensare ad una persona “Che cavolo ci fa un messicano di Acapulco ex ricco poi diventato povero su di un area di servizio francese.” Al giorno d’oggi nessuno si farebbe questa domanda anche perché il mondo è solo un caos ben regolato dallo scoccare del tempo. Fino a quando poi non si sa. Del resto quel giorno che ero a Marsiglia incontrai oltretutto un Vietnamita che cercava un passaggio che lo avvicinasse il più possibile in Vietnam. Ma dico io che cazzo ci faceva un Vietnamita autostoppista a Marsiglia? Perdindirindina ho perso il filo…già la storia che dovrò raccontare stasera…a volte capita che mi perda in altri argomentazioni che non centrano nulla con il contesto…State sgranocchiando qualcosa? Ve lo consiglio, mettete sui denti qualcosa, se non avete nulla, anche le vostre mutande andrebbero bene. Era la notte del 7 dicembre 1970, era tutto pronto per l’assalto al Ministero dell’Interno dove c’era l’armeria, recuperare tutto ciò che era disponibile. Di questo se ne sarebbe occupato l’ex movimento politico di Avanguardia Nazionale, che si era diviso dal partito politico del MSI per divergenze sull’appoggio nel parlamento al Regime Fanfaniano, ossia la DC di destra. L’Italia era sotto il dominio di Amintore Fanfani dal 1948 al 1975 circa. Il padre padrone dell’Italia, il fascista che si tolse la camicia nera per mettersi la camicia bianca insieme al 70% della DC, sempre su ordine degli Stati Uniti quando conquistarono l’Italia. Gli americani dissero chi e come doveva governare l’Italia. Facciamo un passo indietro alla nascita della “Repubblica Italiana.”Il destino dell’Italia era lo smembramento. La Francia appena l’Italia depose le armi e devastata dalle migliaia di bombe che gli amici angloamericani e una parte del resto del mondo lanciavano dagli aerei, distruggendo città, esempio come Genova che fu rasata al suolo. Potrei elencare altre città annientate ma sarei lungo. Dicevo la Francia voleva il Piemonte, la Lombardia e la Liguria annessa allo stato transalpino. Non avevano tutti i torti i cugini francesi, del resto Piemonte, Lombardia e Liguria sono sempre state di proprietà di Napoleone. Metà popolazione piemontese in origine ha il sangue blu francese. Poi il Veneto e il Friuli dovevano passare ai Russi. Il centro Italia sarebbe passato sotto il dominio inglese. Erano i trofei che ogni Stato pretendeva. Il Sud dell’Italia sotto il controllo americano, da accordi presi con la mafia. La mafia fu fondamentale per lo sbarco degli americani sulle coste italiane. Dal processo di Lucky Luciano quando raccontò come nacque la mafia negli Usa. C’erano accordi ben precisi tra Washington e la Mafia ma questa è un’altra storia che tutti sanno ma nessuno vuole raccontare. La mafia voleva che la Sicilia diventasse una delle stelle sulla bandiera americana. Per chi non lo sa, nella bandiera americana ci sono tutti le loro regioni appartenenti alo Stato americano, sparse anche per il mondo, doveva starci anche la Sicilia, come una delle tante isole nel continente dell’Oceania o come per esempio le Hawaii. La Sicilia doveva in effetti staccarsi dall’Italia e diventare una regione americana. Poi la mafia accettò la proposta di Washington di rimanere sotto lo Stato italiano ma a statuto speciale. Una specie di governo con molti privilegi. Non vi siete mai chiesti del perchè la Sicilia rispetto alle altre 19 regioni italiane ha un regime di governabilità personalizzato, in vigore dalla fine della seconda guerra mondiale. Ci mise lo zampino la mafia che dopo la caduta del fascismo potè rientrare sul suolo italiano. Non correva buon sangue tra mafia e fascismo, difatti Lucky Luciano quando raccontò la storia di come sia nata la mafia italiana in America, raccontò che fu colpa del fascismo che li fece scappare. L’allora prefetto di ferro alias Cesare Mori. Cesare Mori (l’uomo idolo di Borsellino e Falcone) fu mandato in Sicilia da Bologna. Era il periodo che il governo costruì acquedotti in tutta la Sicilia rendendo l’acqua un bene pubblico. In Sicilia fino al 1934 l’acqua era di proprietà della mafia. Chi voleva l’acqua doveva pagare il pizzo. Il governo si ruppe le scatoline e decise di sterminarli, non era possibile che ogni impianto idrico pubblico venisse boicottato. Per il governo l’acqua era un bene primario, non riusciva a capire del perchè a Torino, Milano, Bologna, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Venezia e a Genova si poteva fare impianti di acqua pubblica e in Sicilia era impossibile. Chiamarono da Bologna un uomo di ferro, così veniva chiamato Cesare Mori. Mori si presentò a Roma davanti ai gerarchi e gli fu data carta bianca. “Se c’è bisogno usi anche la violenza estrema.” Cesare Mori vinse, toccando per primo gli interessi economici delle famiglie e poi costringendoli a scappare negli Stati Uniti, l’alternativa era un palo della luce e una corda attorno al collo. Falcone in un intervista molti anni fa fatta ad una rivista americana raccontò che tutte le indagini presero spunto dalle politiche di repressioni di un certo prefetto di ferro, Cesare Mori. Disse che loro, Borsellino e Falcone non ebbero carta bianca totale tra cui di usare la violenza se fosse stato necessario, in uno Stato di diritto non puoi. E strano sapere che l’Italia repubblicana e nata grazie anche alla mafia. Strano comunque è anche sapere che l’Italia doveva essere divisa, cancellata la parola Italia dal mappa mondo, buttare nel cesso la bandiera italiana. L’Italia era come doveva essere la Siria del dopo Assad. La Siria terra di conquista dell’Intero mondo, doveva essere divisa, il Nord alla Turchia, l’Est ai Sauditi, l’Ovest agli israeliani, e il Sud agli occidentali. Per fortuna i Russi hanno difeso Assad e la Siria. Se non ci fosse stata la Russia, la Siria sarebbe sparita dalla geografia del mondo, Assad morto e il popolo siriano sparito dalla carte geografiche. L’Italia a parte i nazisti che persero la guerra non aveva nessuna potenza che la difese e in pochi anni crollò nella miseria e fame dal 1940 al 1945, addirittura nel 1939 subì dalla “Società delle Nazioni” oggi detta ONU delle sanzioni economiche. Voi non sapete che da quando sono nate “Le società delle Nazioni” e poi ONU (chiamata Onu grazie alla moglie di Roosevelt) in poche nazioni hanno avuto l’onore di finire dietro la lavagna e punite. Italia, Spagna, Iran, Corea, Russia, Libia e ovviamente Siria. La Germania di Hitler non fu mai messa dietro la lavagna. Anzi quando nel 1939 ci fu il voto di tutte le nazioni se bisognava punire l’Italia, Gli Stati Uniti votarono contro le sanzioni, andarono contro l’Inghilterra acerrima nemica dell’Italia che fece lei stessa l’ordine del giorno tra cui punire l’Italia, quindi voto a favore. La Germania di Hitler si astenne, non diede ne un Si a punire l’Italia ne un No. Non correva buon sangue tra Italia e Germania, erano due polli in un pollaio. L’Inghilterra aveva interesse che Germania e Italia entrassero in guerra tra loro, poi invece l’Inghilterra se li vide contro entrambi. Gli unici che difesero l’Italia furono Usa, Portogallo e Spagna e anche l’Ungheria perchè riceveva soldi in prestito da Roma. Da quelle sanzioni l’Italia crollò economicamente, un conto l’IRAN di oggi con il petrolio regge, la Russia con il petrolio regge, l’Italia con il solo grano crolla. L’Italia aveva il grano, il grano inteso quello per fare la farina. Poi l’Italia fu costretta ad allearsi con la Germania per dichiarare guerra alla sua nemica, colei che governava il mondo da duemila anni, ossia L’Impero Inglese. Anche l’antica Roma implose quando tentò di fare la guerra all’Inghilterra. Poi gli Usa si allearono all’Inghilterra anche perchè il Giappone alleato con Italia e Germania nazista, provocò 3.000 morti tutti americani nel dicembre del 1941. Gli USA furono obbligati a dichiarare guerra a tutti coloro amici del imperatore Hirohito Capo supremo dell’Impero Giapponese. Degli ebrei agli americani e inglesi ne poteva fregar di meno, anzi per americani e inglesi l’eliminazione degli ebrei avrebbe giovato. Il problema furono quei 3.000 morti americani. Gli americani sono vendicativi, se la sono legata al dito. Non era facile per una nazione sotto un bombardamento di oltre 7 nazioni, tra cui Australia, resistere. Resistenza? Quando sento parlare di “Resistenza” rido. Voglio vedere voi reggere un bombardamento massiccio da ogni parte. Non sai mai chi fa Resistenza o Aggressione? Di solito da un milione di anni chi vince una guerra sostiene che ha vinto la resistenza e chi perde è un fesso. Non ho mai visto nessun perdente dire abbiamo resistito, oppure raccontare la Storia. Anche l’Iraq quando fu invasa era cattiva, sporca e brutta, ovvio, che doveva essere bella? Sei destinato a soccombere quando sei circondato, l’Italia non doveva dichiarare guerra all’Inghilterra, il problema che era una corda che da anni che continuava a tirarsi, prima l’Etiopia, poi la paura che l’Inghilterra perdesse l’Egitto, poi l’Italia che trova il petrolio in Libia. Gli inglesi non potevano lasciare il petrolio all’Italia, significava cambiare il destino del mondo. Già non sapevate che fu trovato il petrolio in Libia, la Libia che era sotto il controllo dell’Italia. Petrolio e ricchezza, poter avere voce nelle discussioni sul destino del mondo. Sta il fatto che gli americani vinta la guerra decisero di prendersi tutta l’Italia e portargli via la Libia e il Petrolio. L’Italia rimase con la carta igienica per pulirsi il culo, oltretutto mi pare che il culo lo si pulisce con la carta igienica fatta anche con il petrolio. Strategicamente per gli USA era la scelta migliore, basi militari Usa sparse in ogni angolo d’Italia. Controllo del mediterraneo, aver accesso in ogni posizione del globo. Avere accesso al petrolio del medio oriente, avere la Libia. Più facile partire dall’Italia che da una costa statunitense. Quindi all’ Inghilterra fu dato dell’Oro, ben conservato alla Bank Of England. Alla Francia gli fu pagata la ricostruzione tramite un personalizzato “Piano Marshall” Ai Russi promisero di chiudere gli occhi sull’invasione di Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria ect. In cambio gli Usa volevano tutta l’Italia. L’accordo fu siglato a Sofia in Bulgaria, i Russi tutto sommato andava bene, si sarebbero presi tutta l’Europa dell’Est, fa niente se lasciavano il mediterraneo ai cugini Yankee. Del resto la Germania fu divisa in “Due Parti” Ovest agli Usa e l’Est ai Russi. Ancora oggi il 99% degli italiani non ha capito che l’Italia nel 1945 perse la guerra e quindi diventò colonia degli angloamericani. Grazie a Dio aggiungo Io che l’Italia finì in mani americane. Gli americani pilotarono il referendum su Repubblica o Monarchia in Italia. Era evidente che volevano una Repubblica. E Gli Usa al potere in Italia misero ciò che volevano loro. Il popolo? Il popolo non conta mai un cazzo. Mettetevelo in testa. In Italia al potere ci fu la destra italiana imposta dagli USA. All’interno della Destra Italiana che ha governato l’Italia dal 1948 al 1975 circa nel corso del tempo ci furono lotte interne. Perché c’era anche un’ala della DC di sinistra che voleva fare accordi con il PCI. Poi l’accordo lo fecero molti anni dopo. Dc e Pci si divisero l’Italia e il potere. Il signor Aldo Moro l’ala della DC di sinistra e i suoi amici di merende, con il PCI di Enrico Berlinguer, con il famoso “Compromesso Storico.” Oddio sembrava l’invasione degli Alieni. Che parolona, il compromesso storico. Sta il fatto che il compromesso storico iniziò a disintegrare l’Italia, ben costruita dagli americani, dimostrando che gli Italiani non sono capaci di gestirsi perchè sono grandi confusionari e ladri, si accoltellano a vicenda pur di difendere il proprio clan di appartenenza, fa niente se muori di fame, l’importante che il tuo clan si arricchisca, non esiste un bene comune, quindi ok a chi percepisce una pensione da 6 mila euri al mese e chi invece non arriva a 500 euri al mese e muore di fame. Del resto lo dice lo stato di diritto. I diritti vanno difesi, chi se ne frega se qualcuno muore di fame, questo e il bello della democrazia, del resto ci deve essere qualcuno che deve pur morire di fame. La democrazia ti permette di diventare super ricco come super povero. La democrazia e una ruota della lotteria, non guarda in faccia nessuno e di solito privilegia sempre chi ha il portafoglio pieno. I poveri nella Democrazia dovrebbero mettersi attaccato al culo una lucetta come nelle biciclette, giusto per farsi vedere in che punto farselo mettere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.