Il Diletto, il Faceto e il Sottile…

Pensieri nascosti che rimangono segreti,
di un barlume di speranza lungo il cammino di una strada senza nome.
La percorro scrivendoci il tutto,
del Diletto e del suo amico il Faceto.
Mancherebbe il terzo,
il signor Sottile
che più che altro osserva da una cima di un albero.
Ode non solo il suo Io,
credenze inusuali e alquanto astratte.
Sorride per non piangere,
gli dono un fazzoletto.
Fosse ricamato lo stringerebbe meglio con le sue mani Sottili.
E poi è un fazzoletto bianco e variegato del nulla.
Gli sussurro in silenzio
sperando che lo cambi,
ricamato.
Noto il Diletto e il suo amico il Faceto che ridono
ma ridono così tanto che pure i Santi si nascondono dietro gli spigoli delle stelle.
Che le lasciassero in pace le stelle,
già ci sono sempre Io a chiamarle in causa,
le stelle.
Che prima o poi me ne arriverà una chiedendomi
pietà.
Pietà per cosa?
Se le stelle sono lì
vuol dire che servono a qualcosa.
Il professor Kruge un giorno mi disse “L’Universo e così pieno di stelle che ogni essere vivente ne ha una tutta sua.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.