Il Principe Nero (2°Parte)…

Si ma cosa centra il “Principe Nero” Calma arriva, seconda e ultima parte,siete pronti…3…2…1…Via! La vera destra Italiana aveva deciso di non dare più appoggio dopo decenni alla DC di Fanfani. Avanguardia Nazionale si tolse dal MSI e fece un movimento politico di protesta diventando un movimento illegale perché “Inneggiava al non Voto” il non Voto in Italia era illegale c’era l’arresto soprattutto propagandare al cittadino “Non votare.” Per cui Avanguardia Nazionale diventò illegale, e i suoi militanti clandestini, e con loro nasce Ordine Nuovo altra costola del MSI, in poche parole la destra italiana la vera destra italiana si scioglie dal Parlamento e diventa clandestina. Nel parlamento italiano rimane il solo MSI a guida di Giorgio Almirante che secondo la CIA fu fondamentale per evitare una guerra civile in Italia. La CIA riusciva a tenere a bada o meglio li controllava tutti questi movimenti nati clandestinamente a volte li usava per i suoi fini personali. Dal tentativo di evitare l’accordo tra DC/PCI nasce il tentativo di Colpo di Stato a Roma nella notte del 7 dicembre 1970. Dicevamo, era tutto pronto, l’assalto all’armeria del Ministero dell’Interno con circa centoquaranta uomini, l’uccisione del capo della Polizia, l’occupazione con l’intervento di duecento guardie forestali della Tv di Stato alla Rai. Fu avvertita l’Arma dei Carabinieri di non intervenire, era già pronto il discorso del Principe Nero alla nazione alla mattina del 8 dicembre giorno dell’immacolata concezione. Ci fu pieno accordo con gli Stati Uniti avvertiti giorni precedenti del golpe. Washington sapeva tutto, la stessa CIA che era fino al 1973 un governo ombra della casa bianca, in poche parole fino al 1973 la CIA aveva pieni poteri di intervenire in ogni paese del mondo a nome degli Stati Uniti. Poi nel 1973 il congresso degli Stati Uniti fece una legge che tolse il potere alla CIA, che da legale diventò una CIA sotto banco. Quel 7 dicembre 1970 a Roma la CIA aveva dato il suo benestare ma con il patto che Giulio Andreotti sarebbe stato il presidente del futuro governo provvisorio. Andreotti non accettò, questo fece saltare l’operazione. Nessuno seppe nulla di quel golpe, fino al marzo del 1971 quando un quotidiano se ricordo bene “La Notte” L’unico quotidiano che usciva al tardo pomeriggio in edicola, per questo si chiamava “La Notte.”Scrive a caratteri cubitali in prima pagina; “Sventato lo scorso 8 dicembre un colpo di Stato.” Nel Parlamento Italiano la mattina seguente succede il caos, viene annullato tutto il programma politico di entrambe le camere. C’è lo sgomento tra i politici come tra la popolazione, si aprì un’inchiesta, nel frattempo il Principe Nero scompare dall’Italia. Chi era il Principe Nero? Faceva parte di una nota famiglia di principi italiani “I Borghese” Junio Valerio Borghese aderisce da giovanissimo al fascismo ne diventa uno dei massimi capi. Ha discendenze dalla famiglia di Napoleone Bonaparte, per il bene dell’Italia e del fascismo negli anni del grande consenso va in matrimonio con una contessa russa cugina di Stalin. Borghese fu colui che nel 1942 con un sommergibile italiano dal nome “Leonardo Da Vinci.” era pronto a far saltare in aria New York. Poteva creare migliaia e migliaia di morti, fu fermato in tempo dagli americani. Fu uno degli artefici della Repubblica Sociale di Salò, la Repubblica nata per difendere l’Italia dall’invasione Angloamericana che doveva attuare una Guerra Civile, poi trattative con gli USA hanno scongiurato altro spargimento di sangue. L’Italia ad un certo punto diventò due Stati, al nord la Repubblica di Salò e da Roma in giù gli Usa. Questo fece nascere il grande patto tra il Principe e gli USA, un patto di collaborazione, nel corso degli anni diventò un uomo di fiducia degli Americani che ne avevano sempre apprezzato le innumerevoli doti, doti per i loro interessi, del tipo una ne pensa cento ne fa. La leggenda che si portava dietro, alla fine della guerra poteva essere processato perché gerarca del regime fascista ma gli USA lo hanno sempre protetto (per il famoso patto). Era un sanguinario gerarca capo della Xmas. Fu messo dagli USA come garante supremo allo Stato Italiano, era colui che faceva da collante tra la CIA e il governo Italiano. Circola liberamente in Italia fa niente se era fascista fino al midollo, lui era protetto dagli USA. Fonda nel 1950 il MSI nato dalle ceneri del partito fascista e appoggiò per 20 anni il governo Fanfani alla guida del paese instaurando il “Regime Bianco.” in poche parole le camicie nere dopo la guerra diventano camice bianche, poi esce dal MSI e fonda “Fronte Nazionale.” in protesta delle ultime linee politiche scelte dal MSI, quelle di fare pappa e ciccia con i cugini comunisti. Fu progettato dallo stesso Junio Valerio Borghese in un Hotel di Pisa alla fine degli anni 60, in una riunione segreta insieme con degli agenti della CIA, ad alcuni esponenti di Avanguardia Nazionale, alcuni Ufficiali dei Carabinieri, ed esponenti di spicco del Esercito, il rapimento di Aldo Moro per evitare di consegnare l’Italia al PCI. Il rapimento di Aldo Moro non fu poi avallato dalla CIA, furono contrari. Il rapimento di Aldo Moro e l’uccisione fu solo rimandata di 10 anni circa. Il Principe Nero nel sistema politico italiano è il semplice infiltrato della CIA, e quella notte del 7 dicembre del 1970 era pronto a prendere il potere instaurando un “Regime Militare” Junio Valerio Borghese fallito il golpe scappa dall’Italia e l’ultima volta fu visto in video e in voce quando venne intervistato nel aprile del 1971 dalla TV Svizzera in lingua francese, affermò ”Il cambiamento in Italia doveva essere fatto, perché un patto tra DC e PCI porterebbe l’Italia alla lenta e all’inesorabile sua distruzione.” L’Italia fu presa in mano dalla sinistra, sopratutto dal PSI, dal 1975 ai giorni nostri. La destra italiana ha guidato l’Italia dal 1947 al 1975, poi si è disciolta nella clandestinità, ancora oggi la vera destra italiana non esiste più, ci sono piccoli partitini che non contano più un cazzo.
Il Principe Nero scappò in esilio dal prete dittatore alias Franco in Spagna, detto il Caudillo o mono balla perchè aveva un solo testicolo. Muore in circostanze misteriose nel agosto del 1975. In Italia per 15 anni si faranno 2 processi per il fantasmagorico tentativo di golpe, alcuni ufficiali dell’esercito ed esponenti dei servizi segreti italiani furono condannati. In fretta e furia il Parlamento con la cagarella tra le mutande cambiò il servizio segreto italiano cambiando tutti i vertici, tra cui spicca il generale Vito Miceli il deus machina dei servizi segreti italiani per decenni, anche lui come tutti i massimi esponenti dell’esercito e dei servizi segreti italiani faceva parte del partito politico MSI che rappresentava il vecchio partito fascista. Difatti l’Italia secondo i documenti e le varie inchieste giornalistiche e come diceva il vecchio Indro Montanelli è sempre stata governata dal fascismo non per soli 20 anni dal 1922 al 1945 ma per 50 anni circa. Ci furono due fasi. La prima, l’Italia era autonoma e indipendente, la seconda, l’Italia doveva chiedere l’autorizzazione agli Usa anche per andare alla toilette, ci fu un solo breve periodo per una pausa caffè, quella del 1945, lì si presero tutti un po’ di vacanza tra pasticcini e torte della nonna e nel frattempo da Monarchia diventò Repubblica (oltretutto tramite un voto elettorale truffaldino) e come quando ad un’auto cambi le gomme, da quelle invernali metti quelle estive ma il succo non cambia, l’auto ha la stessa cilindrata e stesso motore, forse più usurato nel corso degli anni. L’Italia è cambiata dal 1975 in poi, lì si che ci fu il vero cambiamento. Il cambiamento è nella propaganda, se la TV di Stato era in mano ad un solo Partito politico il Regime di Fanfani era sinonimo di Dittatura. L’esempio è dato dalla “comunicazione” la TV si divide prima in due e poi in tre. La Rai la Tv di Stato passa da RAI 1 con la DC che gestiva e ordinava tutto ciò che il giornalista doveva dire o respirare. Poi arrivarono nei primi anni 80 il PSI la sinistra e pare ovvio ch e loro vogliono il loro canale “E finita la Dittatura” Nasce RAI 2 sotto il potere del PSI. Si ma il PCI lo lasciamo solo come un fesso? Toh spunta RAI 3, ovvio filo comunista. Ecco rappresentata la TRIADE. DC, PSI e PCI. Dalle parti di San Faustino in Cecina questo si chiama Inciucio di Potere, da Dittatura diventa Democrazia dei pochi sui tanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.